PROROGA AL 2019 L’ENTRATA IN VIGORE DEL SISTRI PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI PERICOLOSI

Con la legge di Bilancio 2018 arriva la proroga, al 2019, per la piena entrata in vigore del SISTRI per la tracciabilità dei rifiuti pericolosi. Il rinvio si è reso necessario al fine di attendere la decisione del TAR Lazio, il quale deve pronunciarsi sulla legittimità della gara bandita dalla CONSIP per l’affidamento del SISTRI a un nuovo concessionario, l’Almaviva-Tim-Agriconsulting.

In particolare, viene prorogato di un altro anno sia il “doppio binario”, consentendo così l’applicazione degli adempimenti e degli obblighi relativi alla gestione dei rifiuti antecedenti alla disciplina del SISTRI con la conseguente moratoria delle sanzioni per le imprese che non si fossero ancora registrate e per l’omesso versamento del contributo annuale (art. 260 bis del D. Lgs 205/2010 commi 1 e 2).

La legge di Bilancio 2018 prevede lo slittamento di un altro anno, al 31 dicembre 2018, dell’entrata in vigore del SISTRI.

Con la proroga viene rinviato da un lato il regime a doppio binario degli adempimenti ambientali tradizionali/SISTRI e dall’altro lato il termine finale di efficacia del contratto con l’attuale concessionaria del SISTRI.

SHARE