FORESTE, PIEMONTE: DAL 5 AL 9 NOVEMBRE A TORINO IL IV CONGRESSO NAZIONALE DI SELVICOLTURA

Trecento congressisti, 14 sessioni tematiche e 6 tavole rotonde per parlare di tutela dei boschi, sviluppo sostenibile dei territori rurali, produzioni forestali, filiera legno-energia: è quanto prevede il IV Congresso nazionale di selvicoltura: in programma nel Centro congressi “Torino Incontra” dal 5 al 9 novembre 2018 e organizzato dall’Accademia italiana di scienze forestali (AISF) con la collaborazione della Regione Piemonte. Il simposio è stato presentato oggi a Beaulard di Oulx (TO) nell’ambito della fiera Boster Nord Ovest.

“Il Congresso, che si svolge ogni dieci anni, – ha detto l’ assessore alle Foreste della Regione Piemonte, Alberto Valmaggia – è una occasione rara per discutere del ruolo della gestione forestale come strumento per conciliare le esigenze dell’uomo e della natura”. Questa edizione, per la prima volta, vede un profondo coinvolgimento del mondo amministrativo e gestionale: Regioni, professionisti, imprese, ambientalisti, accanto a quello accademico, per arricchire il confronto attraverso diversi punti di vista.

La Regione Piemonte partecipa al Comitato organizzatore per il coordinamento della partecipazione delle altre Regioni e Province italiane e offre il supporto organizzativo nei rapporti con le istituzioni locali e il territorio. Prevista anche la partecipazione diretta, con personale degli uffici regionali e di Ipla, ad almeno 10 sessioni diverse con una dozzina di interventi a carattere tecnico-scientifico.

Da segnalare diverse attività di comunicazione rivolte ad un pubblico non specializzato, per sensibilizzare sul ruolo della selvicoltura e della gestione forestale. Fra queste si prevede il
coinvolgimento di scuole superiori in attività didattiche nel Parco Arte Vivente – Pav di Torino e congressuali, l’organizzazione da parte di Ipla di eventi relativi agli alberi monumentali in città e la collaborazione con l’Università per gli allestimenti e le proiezioni nel cortile della sede del rettorato di via Po. Sarà coinvolto anche il Museo della Montagna per la proiezione di filmati sul tema.

Fonte: PiemonteInforma

SHARE