martedì, Ottobre 19, 2021
HomeNewsCONTRATTI DI RETE, ARRIVANO I BONUS FISCALI

CONTRATTI DI RETE, ARRIVANO I BONUS FISCALI

A breve sarà possibile per gli imprenditori agricoli richiedere i bonus per l’innovazione previsti dal Decreto Ministeriale 13/1/2015 n. 273 e da un ulteriore circolare dell’8 ottobre 2015 del Ministero delle politiche agricole.

Il bonus, che sarà concesso nella forma di un credito di imposta, sarà riconosciuto per le spese relative ai nuovi investimenti sostenuti per lo sviluppo dei prodotti, pratiche, processi e tecnologie, nonché per la cooperazione di filiera nell’ambito dei contratti direte fra imprese agricole.

BENEFICIARI

All’art. 2 DEL Decreto, sono specificati i soggetti beneficiari: Le “imprese, anche se costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi, che producono prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura di cui all’Allegato I del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea”, nonché “piccole e medie imprese, come definite dal Regolamento (UE) n. 651/2014, che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell’acquacoltura non ricompresi nel predetto Allegato I, anche se costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi”.

L’agevolazione è estendibile anche ai contratti di rete già costituiti al momento dell’attuazione della domanda, da presentarsi dal 20 al 28 febbraio 2016 alla direzione generale per la promozione della qualità agroalimentare e dell’ittica ufficio politiche di filiera del Ministero delle politiche agricole.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili, ai fini del riconoscimento del bonus, sono: le spese nell’ambito della formazione di titolare e dipendenti, i costi di consulenza tecnico-specialistica, gli investimenti per lo sviluppo di nuovi prodotti e processi produttivi.

Inoltre sono agevolabili anche i costi per l’acquisizione e la costruzione di beni immobili.

Per quanto riguarda le reti fra imprese agricole, danno diritto al bonus i costi sostenuti per la comunicazione e promozione dei prodotti inerenti all’attività della rete, diretti al territorio nazionale ed ai mercati internazionali.

Si ricorda che i benefici sono concessi per tutti i nuovi investimenti, regolarmente fatturati e quietanzati, posti in essere a partire dal 14 marzo 2015, per il primo periodo d’imposta. Per i periodi d’imposta successivi, verranno conteggiati tutti i nuovi investimenti fatti nell’anno PASSATO a quello della domanda.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments